La storia del movimento I AM e del libro IO SONO
Postato il 4 agosto 2007
Per conoscere più nei dettagli la storia del testo IO SONO, nato con il titolo di LA VITA IMPERSONALE (The impersonal life), ci siamo spinti nei meandri dell'informazione.
Inizialmente avevamo comunicato come data di emissione del testo il 1930, informazione rilevata sulla prima edizione pubblica italiana dell'IO SONO a cura della L'ETA' DELL'ACQUARIO - BRESCI EDITORE, la casa editrice del professor Bernardino del Boca, di cui dopo parleremo.

Altre ricerche ci hanno fatto approdare al 1914 quando tale Joseph S. Benner fece pubblicare il testo per la prima volta a San Diego (California - USA) riferendone forse (?) le origine al Conte di Saint-Germain, crediamo al fine di attribuirgli maggior prestigio.

Tracce più recenti le troviamo nell'archivio della INTA (International New Thought Alliance) in cui sembra che il primo copyright sia del 1941 e nel 1974 la INTA, per mezzo dell'associata C.A. WILLING di New York, si assume la titolarità addirittura della 35° edizione.

The Impersonal Life era il libro preferito di Elvis Presley che lui regalava a destra ed a manca. Elvis cominciò a leggere testi di misticismo su suggerimento del suo amico e parrucchiere Lerry Geller considerando seriamente la possibilità di farsi monaco; nel 2001 la Edizioni Graceland esce con una versione inedità dell'IO SONO con una prefazione delle considerazioni di Elvis.

Passando al movimento IO SONO, negli Stati Uniti si verifica negli anni 1930, per opera dei coniugi Ballard, Guy W. (1878-1939) ed Edna (1886-1971), un processo di “americanizzazione” del messaggio teosofico, che sostituisce all’Himalaya il californiano Monte Shasta. È qui che nel 1930 il Maestro Saint-Germain incaricherebbe Guy Ballard e sua moglie di agire come “messaggeri accreditati” dei Maestri. Nel corso degli anni 1930 nascono undici volumi, firmati da Guy Ballard con lo pseudonimo di Godfre Ray King, che narrano le manifestazioni e trasmettono le rivelazioni del Maestro. Il successo è notevole: alla morte di Guy, nel 1939, il movimento vanta un milione di “studenti” (molti, peraltro, in contatto semplicemente per corrispondenza). La morte inattesa di Guy genera una crisi nel movimento: alcuni ex-membri delusi ne approfittano per accusare la famiglia Ballard di truffa e nel 1941 Edna e vari collaboratori sono condannati per uso truffaldino delle poste americane. L’esclusione dall’uso delle poste segnerebbe la fine di un movimento che opera soprattutto per corrispondenza: ma nel 1944, con una sentenza pilota che fa ancora oggi giurisprudenza in materia di libertà religiosa, la Corte Suprema degli Stati Uniti dichiara che né i tribunali né le poste sono competenti a richiedere prove di credenze di carattere religioso o esoterico, compresa l’esistenza di Maestri ascesi.

Il testo IO SONO è un testo usato dall'associazione Teosofica sin dagli anni '30 e in Italia questo testo, come si può vedere nelle terza foto, era senza titolo, girava in maniera anonima e riservata quasi come se al suo interno fossero contenuti dati top secret da proteggere. Il titolo originale era VITA IMPERSONALE, come si può vedere sulla prima pagina di una qualsiasi copia dell'IO SONO.

La diffusione del testo al grande pubblico italiano è avuta negli anni '70 a opera del professor Bernardino del Boca (1919-2001).

Del Boca, seguendo l'esempio di William Blake, di Gurdjeff, del Conte von Keyserling e dello stesso libricino IO SONO, scriveva i suoi testi usando la psicotematica. La psicotematica, che è materia di studio in alcune università americane, usa il linguaggio dello spirito invece che quello della mente e si rivolge in modo diretto all'intuizione.

I fatti e le persone sono visti e descritti non basandosi sulla realtà mentale, che si basa sulla coscienza della realtà materiale, ma sulla realtà dello spirito, che è causa della realtà materiale mentale. La realtà dello spirito coinvolge ben più vaste e profonde energie e sottende ben altri rapporti e connessioni con infiniti legami del tutto.

Del Boca aveva rapporti con la Fratellanza Sarmoun, che si vanta d'esser nata duemila anni prima di Cristo, allo scopo di «canalizzare le nuove energie dell'Età dell'Acquario ed aiutare lo sviluppo del nuovo piano di coscienza». Inoltre, aveva fatto parte di numerose organizzazioni internazionali, dall'American Anthropological Association, all'American Association of Physical Anthropologist, dall'Association of Psychiatric Treatment of Offenders, alla Lega dei Diritti Umani delle Nazioni Unite. Fu anche direttore della rivista "Eta' dell'Acquario" e ideatore del Villaggio Verde di Cavallirio, nel novarese.